9 maggio 1978: l'uccisione di Aldo Moro

9 maggio 1978: l'uccisione di Aldo Moro

Lucia Gonnella Accadde Oggi
Cilento - giovedì 12 maggio 2022
Aldo Moro
Aldo Moro © web

Aldo Moro nacque il 23 settembre 1926 in provincia di Lecce (Puglia) e fu assassinato a Roma. Politico, giurista e accademico italiano, fu tra i fondatori della Democrazia Cristiana di cui ne divenne prima segretario e poi presidente; fu Ministro della Giustizia, della Pubblica Istruzione e per quattro volte Ministro degli Esteri.

Il caso Moro è l'insieme delle vicende relative all'agguato, al sequestro, alla prigionia e alla sua uccisione, ma anche delle ipotesi e della ricostruzione degli eventi spesso discordanti tra loro.

Era la mattina del 16 marzo 1978 quando l'auto che trasportava Aldo Moro alla Camera dei deputati fu intercettata e bloccata in via Mario Fani a Roma, da un nucleo armato delle Brigate Rosse. In pochi minuti i brigatisti uccisero i due carabinieri a bordo dell'auto di Moro e tre poliziotti che viaggiavano sull'auto di scorta, mentre sequestratori il presidente della Democrazia Cristiana e lo tennero prigioniero per 55 giorni. Egli fu sottoposto ad un processo politico da parte del cosiddetto "tribunale del popolo", istituito dalle stesse Brigate Rosse e infine lo uccisero il 9 maggio 1978. Il suo corpo fu ritrovato lo stesso giorno nel bagagliaio di una Renault 4 rossa parcheggiata in via Michelangelo Caetani, poco lontana dalla sede nazionale del Partito Comunista Italiano e dalla sede nazionale della Democrazia Cristiana.

Il caso Moro ha ispirato il CINEMA con film che hanno narrato la storia del sequestro e dell'uccisione dello statista democristiano:

* Il caso Moro

* L'anno de terrore

* Piazza delle cinque lune

* Buongiorno, notte

la TELEVISIONE con serie dedicate alle vicende del Caso Moro e anche alle testimonianze di personaggi politici tra cui Giulio Andreotti;

Il TEATRO con opere incentrate sui misteri di questo caso.

L'omicidio di Aldo Moro tenne l'Italia col fiato sospeso per 55 giorni e ancora oggi non è stata fatta luce su pagine ancora oscure.

Nel 44esimo anniversario dell'uccisione di Aldo Moro, si celebra il Giorno in memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi. La ricorrenza unisce al ricordo di chi ha subito eventi drammatici, la vicinanza delle istituzioni e dei cittadini alle famiglie.

Il Presidente Mattarella ha deposto una corona di fiori in via Caetani e alla breve cerimonia hanno partecipato i presidenti del Senato, della Camera, del Consiglio, della Corte Costituzionale e del sindaco di Roma.

Secondo il sindaco di Palermo Orlando, quel 9 maggio ricorda la tragica fine della realizzazione di una "democrazia compiuta", impedita da un intreccio di interessi eversivi nazionali ed internazionali, esterni ed interni allo Stato.

 

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti