I pesci sono animali con un fortissimo senso dell’orientamento

Il pesce rosso cha sa guidare

L’esperimento dimostra che le capacità di navigazione dei pesci sono universali e innate, e probabilmente presenti in varia misura in tutti gli animali

Mondo
Cilento mercoledì 19 gennaio 2022
di Francesca Schiavo Rappo
Il pesce rosso che sa guidare
Il pesce rosso che sa guidare © web

I pesci sono animali con un fortissimo senso dell’orientamento. Hanno quella che viene definita dagli scienziati un’innata “capacità di navigazione”, che consente loro di dirigersi dove vogliono nel vasto mare.

Per comprendere se tale capacità di navigazione è universale oppure è tarata sul loro ambiente naturale, un gruppo di ricerca dell'Università Ben-Gurion in Israele, ha messo in atto un curioso esperimento, con la collaborazione di un pesce rosso addestrato per l'occasione. Al pesciolino è stato insegnato a navigare in direzione di un bersaglio, raggiunto il quale veniva premiato con un po' di cibo.

Dopodiché l'animale è stato messo alla guida di un dispositivo sperimentale creato per l'occasione: aggiunte quattro ruote sotto la sua boccia, appositamente motorizzata così da muoversi in risposta all’orientamento del pesce, i ricercatori hanno mappato i suoi movimenti ed hanno notato che anche da dentro la sua boccia, il pesciolino "puntava” il bersaglio nella stanza, facendo muovere così l'intera struttura.

Il pesce rosso ha impiegato poco tempo a imparare a muovere la boccia in linea retta verso il bersaglio, e ottenere quindi la sua ricompensa. Non solo: ha anche imparato a evitare gli ostacoli (per esempio a girare attorno a una barriera piazzata improvvisamente sul suo percorso), e a ignorare i falsi bersagli posizionati dagli scienziati in giro per la stanza.

Secondo gli autori dello studio, l’esperimento dimostra che le capacità di navigazione dei pesci sono universali e innate, e probabilmente presenti in varia misura in tutti gli animali.

Inoltre, sembra che tale senso dell’orientamento sia trasferibile, e che quindi, anche se sei cresciuto nel mare puoi imparare a “viaggiare” sulla terraferma (e viceversa, con ogni probabilità).

Lascia il tuo commento
commenti