Il coronavirus si chiama così perché guardandolo al microscopio si vedono come dei fiorellini

Meglio essere previdenti

Mamma, papà perché dobbiamo stare chiusi in casa?

Italia
Cilento lunedì 08 gennaio 2024
di Fabiola Scorziello
Il virus Sars Cov-19
Il virus Sars Cov-19 © web

Era il 30 gennaio 2020, quando accedendo la TV si iniziarono ad ascoltare le prime notizie sul covid-19 e dopo poco tempo l’Italia si spense.

Scuole chiuse, frontiere chiuse, tutti a casa, si poteva uscire solo per fare la spesa.

All’inizio non era molto triste, ma con il tempo, vedendo che la situazione peggiorava sempre di più, tutte le famiglie italiane iniziarono a cantare sui balconi, stringendosi d’affetto tutti insieme.

Dopo alcuni mesi, la situazione iniziò a migliorare, era quasi estate e la gente poteva uscire liberamente di casa; a settembre del 2020 di nuovo la stessa storia, tutti rinchiusi e i bambini in DAD. Arrivò marzo e finalmente i bambini potevano rincontrarsi liberamente tra i loro banchi di scuola, ma sempre con le dovute precauzioni…

Mascherina, guanti e gel igienizzante sono stati gli alleati più forti di questa pandemia, ogni bambino portava con sé il suo del suo personaggio preferito.

E il vaccino?

Il vaccino, quella leggera punturina, ogni bambino ha dovuto iniziarla a fare per far sì che il tutto terminasse prima e che finalmente si potesse tornare alla libertà.

Il coronavirus è un virus, un piccolo organismo che per vivere deve per forza stare all'interno di altri organismi come il corpo umano; tutti i virus tra loro sono diversi infatti hanno nomi diversi e anche effetti diversi!

Il coronavirus si chiama così perché guardandolo al microscopio si vedono come dei fiorellini, quando il coronavirus entra nel nostro corpo possono venire la febbre e la tosse, ma non tutte le persone si ammalano anzi alcuni hanno il virus dentro il corpo senza avere sintomi altri invece devono essere curati.

Questo succede con tante altre malattie, ma la differenza è che il coronavirus è nuovo di zecca.

Cosa fare per combatterlo? Il virus si trasmette da persona a persona con la tosse, gli starnuti e tramite le goccioline di saliva, ma noi come possiamo difenderci?

Se ti viene da fare uno starnuto o da tossire fate così, nel gomito!

Lavatevi spesso le mani soprattutto dopo che siete stati nel bus o in metropolitana, il coronavirus odia il sapone… non toccate superfici sporche perché lui ama nascondersi, non vi toccate occhi naso e bocca così da non farlo entrare nel vostro corpo, non usate forchetta, bicchiere, borace, bottigliette o altri oggetti che hanno usato i vostri amici.

Si fa così proprio per proteggervi per evitare di venire a contatto con il coronavirus. Magari è un po’ noioso, ma molto importante. 

 

Lascia il tuo commento
commenti