Disegnato da Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria

L’Italia all’Expo di Dubai

“La bellezza unisce le persone”

Italia
Cilento domenica 10 ottobre 2021
di La Redazione
L'apertura del padiglione Italia all'Expo di Dubai 2020
L'apertura del padiglione Italia all'Expo di Dubai 2020 © web

Con il claim “La Bellezza unisce le Persone” il nostro Paese, i suoi territori, le sue istituzioni, imprese e università portano a Dubai un vasto e prestigioso programma di iniziative per la prima Esposizione Universale nel mondo arabo, il grande evento globale dopo la fase più acuta della pandemia che durerà sei mesi, dal primo di ottobre fino al 31 marzo 2022. 

All'esterno, il padiglione si presenta con la forma di tre scafi: il rivestimento è composto da circa 17mila litri di vernici che creano una bandiera tricolore gigantesca, la più grande sul pianeta. La passerella e la duna di sabbia sono ricoperte con caffè, sabbia del luogo in cui si trova il padiglione stesso e bucce d'arancia. All'interno un "tunnel del silenzio" lungo 80 metri con 800 pannelli fonoassorbenti. E la meraviglia di alcune installazioni suggestive e moderne, come l'orologio atomico di Leonardo.

Interpretando il tema generale di Expo Dubai “Connettere le menti, generare il futuro”, l’Italia contribuisce in modo decisivo al confronto tra i Paesi partecipanti su idee e progetti per il futuro: lo fa con il proprio Padiglione, disegnato da Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria.

ll Padiglione dell’Italia si trova vicino a quelli di India, Germania, Arabia Saudita, Giappone e Stati Uniti.

L’Italia ci presenta un esempio di economia circolare, grazie al riciclo e riutilizzo del caffè macinato e delle bucce d’arancia essiccate che decorano l’edificio.

È possibile poi ammirare una versione stampata in 3D della famosa scultura del David di Michelangelo alta cinque metri.

 

Lascia il tuo commento
commenti