Dal numero dei "Piccoli Mensile" Luglio-Agosto 2008.

Alessandro e le magie del mare

La storia...

Archivio I Piccoli
Cilento giovedì 23 giugno 2022
di La Redazione
Alessandro e le magie del mare
Alessandro e le magie del mare © Unico Settimanale

Il papà di Alessandro faceva il pescatore. Si imbarcava prima ancora dell'alba e per tutto il giorno restava in attesa che i pesci abboccassero e tornava a riva solo al tramonto. D'estate, quando non andava a scuola, Alessandro lo seguiva, Osservava attentamente ogni sua azione, perché voleva imparare tutto quello che sapeva il suo papà: conoscere il mare, individuare le zone più pescose, riconoscere pesci, condurre la barca, orientarsi tra le acque. Da qualche tempo però il papà di Alessandro lavorava tutto serio e silenzioso: le condizioni di salute del mare stavano peggiorando a causa dell'inquinamento e questo voleva dire una cosa sola: meno pesce, meno lavoro, meno soldi da portare a casa.

Il Mare conosceva bene quel bambino che ora sedeva triste sulla barca. Gli era affezionato e aveva tanta nostalgia delle risate allegre del suo piccolo amico. Per questo decise che doveva assolutamente fare qualcosa. Chiamò l'amico Sole per organizzare uno spettacolo mozzafiato: ogni volta che il Sole avesse sfiorato con i suoi biondi e caldi raggi le acque, il Mare avrebbe trasformato tutte le piccole ondine in perline luccicanti. Cosi sperava che il sor- riso sarebbe tornato sul volto di Alessandro che rimase davvero a bocca aperta quando vide lo spettacolo che Sole Mare avevano preparato per lui. Ma, pur divertito, si sentiva ancora tanto triste. Il Mare ebbe un'altra idea e il mattino seguente Alessandro assisté ad una nuova straordinaria magia…. vide le perline trasformarsi in tanti piccoli uccelli bianchi. Erano i gabbiani che richiamavano con il loro verso i pesci dalle profondità marine. Il Mare così si ripopolò, il papà di Alessandro continuo il suo lavoro e prima di addormentarsi, il piccolo ringraziava il Sole e il Mare per quello straordinario regalo! Magari fosse così semplice nella realtà Non inquiniamo la natura !

Lascia il tuo commento
commenti