Parità di genere

La lego smonta gli stereotipi di genere

Addio alle etichette “prodotto per bambini o bambine”

Archivio I Piccoli
Cilento mercoledì 29 novembre 2023
di La Redazione
Immagine non disponibile
Lego © I Piccoli

La Lego, il colosso danese tra i più grandi produttori di giocattoli al mondo, ha annunciato che dirà addio agli stereotipi di genere per i suoi mattoncini colorati. Sulle confezioni Lego non troveremo più le classiche etichette “prodotto per bambini” o “per bambine”, ma saranno divisi per temi che rimandano alle passioni di ognuno di noi.

Insomma, giocare per il gusto di farlo aiutando a sviluppare e realizzare il talento unico di ciascuno.

La decisione arriva dopo che i ricercatori hanno intervistato quasi 7mila bambini e i loro rispettivi genitori, di sette paesi, a proposito delle loro opinioni su carriere, attività extrascolastiche e preferenze di giocattoli.

I risultati hanno dimostrato che mentre le bambine sono sicure di sé e pronte a giocare con i set di mattoncini pensati per i ragazzi, il 71 per cento dei bambini intervistati ha confessato di aver paura di essere presi in giro se avessero utilizzato “giocattoli per ragazze”. Lo stesso disagio è vissuto dai genitori dei bambini che scelgono giocattoli destinati al sesso opposto.

Le bambine, quindi, sono più aperte a diversi tipi di giochi rispetto a ciò che i loro genitori e la società le incoraggiano a fare.

In linea con la decisione di evitare gli stereotipi di genere dell’azienda danese di mattoncini colorati, arriva la decisione dello Stato della California che ha emanato una legge che obbliga i grandi rivenditori di giocattoli per bambini ad avere una sezione no gender, quindi neutra, oltre a quella per maschi e per femmine. Questa sezione dovrà essere rifornita con una selezione di giocattoli e articoli per l’infanzia, indipendentemente dal fatto che siano pensati per un particolare sesso.

Lascia il tuo commento
commenti